Schammacca Blogs Nat Scammacca  

 

Via Argenteria, Erice, IT

CONTATTI

Profili di Cultura Anti

MEMORIAL NAT SCAMMACCA, Crescenzio Cane, Franco Di Marco: 2018

Si ringraziano tutti gli intervenuti alla manifestazione ed in particolare Il Prof. Nicola Lo Bianco che ha ricordato la figura di Crescenzio Cane leggendo alcuni scritti, del poeta Antigruppo, Franco Di Marco Scrittore-Medico è stato ricordato da letture fatte dal figlio Dott. Giuseppe Di Marco.

Ha presentato i partecipanti alle letture il Presidente del Centro Studi Nat Scammacca, Glenn Scammacca, che ha introdotto la poetessa Flora Restivo, che ha letto alcune poesie di Nat Scammacca,  la prof.ssa  Gabriella Ruggirello, un ringraziamento va anche al Presidente dell’Associazione Tradizioni Popolari, e alla figlia Sig.ra Flora Certa che ha ricordato poeta Rolando Certa ha figura del padre, e ha inoltre menzionato come il Movimento Antigruppo si prodigava per portare la cultura nelle piazze, nelle scuole, essendo fautore di cultura underground.

This slideshow requires JavaScript.

MEMORIAL NAT SCAMMACCA, Crescenzio Cane, Franco Di Marco: 2018 MEMORIAL NAT SCAMMACCA, Crescenzio Cane, Franco Di Marco: 2018 Si ringraziano tutti gli intervenuti alla manifestazione ed in particolare Il Prof.
Postato 5 giorni fa

Nat Scammacca, poeta artista e traduttore italoamericano ha vissuto metà della sua vita a Trapani. Oltre un centinaio di persone ha partecipato alla inaugurazione del CENTRONTO STUDI a lui intitolato per volere della figlia Glenn Scammacca il Centro Studi ha sede in via Argenteria 120 e nasce dall’omonima associazione culturale, con l’obbiettivo di riportare l’attenzione sulla cultura nel territorio trapanese e fare conoscere il vero “peso”. Presenti all’evento il grafico Nicolò D’Alessandro, Mario Lo Coco, ceramista, Leonardo la Barbera, artista del vetro e figure istituzionali quali il Vicesindaco di Erice Angelo Catalano, il Sindaco di Custonaci Giuseppe Bica e il Sindaco di Valderice Francesco Stabile. In tanti hanno scritto al Centro per augurare un buon inizio e un buon percorso agli associati tra cui Stanley Barkan editore americano che ha collaborato con Nat Scammacca e ha permesso la traduzione dei testi “Antigruppo” in tante lingue e Maria Mazzeotti Gillan, il docente di lettere e filosofia presso la “La Sapienza” di Roma. “Spero che le amministrazioni- ha detto Glenn Scammacca – ci aiutino nei nostri progetti. Conto di ricreare il Premio Internazionale di Poesia al più presto. Mio padre è stato l’inventore dell’Open Source culturale. Pensate! Trapani, l’ultimo lembo dell’Italia in cui è parte culturale era gestita esclusivamente da Antonino Zichichi, con il centro Ettore Majorana di Erice che ospitava diversi scienziati sulla montagna. Il giornale di provincia “TRAPANI NUOVA”, con la sua terza pagina, è arrivata fino a piazza Tienanmen, Non sono mancate pagine scritte in Cinese. Con orgoglio la nostra casa di famiglia ha ospitato gente proveniente da tutto il mondo perché Nat amava operare a 360°gradi senzaescludere nessuno, in contrapposizione all’allora Gruppo 63 costituito da eletti, coloro che avevano studi importanti e quindi la possibilità a determinati scritti. Mio padre era diverso se conosceva un contadino che aveva scritto una poesia ed era un operato leggibile, gli dava la possibilità di salire sul palco e gliela faceva leggere. Fatto realmente accaduto in piazza a Mazara del Vallo”

This slideshow requires JavaScript.

Quindi come definire l’operato di suo padre?

“Ha agito con energia e grinta. Possiamo dire agli antipodi con quella che era cultura dell’establishment di quei tempi. C’è stata una lotta vera e propria lotta raccontata sul Trapani Nuova del ’67 in cui Gaetano Testa e Nat si scontrano, l’uno affermava che è sbagliato far scendere   la cultura in mezzo al popolo e l’altro sosteneva che il popolo aveva diritto a salire sui gradini culturali. Questa contrapposizione portò alla nascita del movimento sperimentale Antigruppo, caratterizzato da scritti promiscui di gente che non aveva gli stessi titoli di studio,  di gente semplice, permettendo un continuo ricambio culturale.

Oggi penso che non esiste più questo tipo di cultura. L’intellighenzia  trapanese non so dove sia andata  a finire.

Qual è l’obbiettivo primario del centro studi in questo momento?

“L’idea principale è quella di ristampare le terze pagine del Trapani Nuova e farle diventare un almanacco che racchiuda 34 anni di vita culturale. Penso sia un’operazione che le amministrazioni locali dovrebbero sostenere. Fermare la cultura ai tempi di Pirandello è sbagliato. Il centro culturale però nasce per sviluppare non solo operazioni culturali ma anche sociali. Abbiamo creato uno statuto che abbraccia più interessi. Attraverso la cultura si arriva al sociale e solo così riusciremo a dare lustro a questa città. Quando non esistevano le mail, grazie ai francobolli la cultura su carta è arrivata in Romania, Ungheria, Germania, Russia e Cecoslovacchia, Cina, India ed ovviamente America. Infatti la nostra casa è un elemento storico della cultura internazionale che sto cercando di preservare. Con il Centro Studi voglio anche ricordare l’Onorevole Nino Montanti che ha permesso, in un giornale del partito Repubblicano quale il Trapani Nuova, di scrivere di cultura ad ampio raggio ai comunisti, agli oltranzisti ed hai conservatori senza limitazioni”.

Tra gli altri progetti?

Progetti sociali, come ristrutturare la pineta di Erice per ridurre l’erosione del territorio e le alluvioni. Gli alberi trattengono l’acqua. Mi piacerebbe realizzare il progetto di riqualificazione della montagna di Erice. Ricreare l’ambiente naturale per fare turismo gestito con logica. Offrire servizi adeguati e una città pulita solo così il territorio tornerebbe a vivere e ad aver vigore”.

Nella complessità di uomo, Nat Scammacca è consegnato alla storia e alla letteratura internazionale sta ora agli studiosi di lettere pronunciare il suo valore di ogni suo lavoro delle sue innumerevoli opere.

Gusy  Lombardo

L’Idea di Nat Scammacca: la cultura è Open Source di Giusy Lombardo Nat Scammacca, poeta artista e traduttore italoamericano ha vissuto metà della sua vita a Trapani. Oltre un centinaio di persone ha partecipato alla inaugurazione del…
Postato 20 settimane fa
Postato 23 settimane fa
<p><strong><a href="http://www.natscammacca.net/inaugurazione-centro-studi-nat-scammacca-poetagiornalistascrittorepensatore/" target="_blank">INAUGURAZIONE CENTRO STUDI NAT SCAMMACCA POETA,GIORNALISTA,SCRITTORE,PENSATORE</a></strong></p>

INAUGURAZIONE CENTRO STUDI NAT SCAMMACCA POETA,GIORNALISTA,SCRITTORE,PENSATORE

Postato 23 settimane fa
Postato 49 settimane fa

schammaccablog:

https://natscammacca.eu/2018/04/08/per-la-pace-la-democrazia-il-lavoro/

Postato 49 settimane fa

https://natscammacca.eu/2018/04/08/per-la-pace-la-democrazia-il-lavoro/

Postato 49 settimane fa
Postato 49 settimane fa

Scrittore Poeta Giornalista

Scrittore Poeta Giornalista

Erice Poesia di Nat Scammacca
Postato 74 settimane fa
<p><a href="http://www.natscammacca.info/3paginaonline/2017/10/16/linsonne-io-non-sapro-di-nat-scammacca-traduzione-marco-scalabrino/" target="_blank">L’Insonne: Io non saprò di Nat Scammacca Traduzione Marco Scalabrino</a></p>

L’Insonne: Io non saprò di Nat Scammacca Traduzione Marco Scalabrino

Postato 74 settimane fa

Crea un sito Web gratuito con Yola